Firma Digitale: perché usarla

firma digitale

Ultimamente si parla sempre più spesso di Firma Digitale. Questo nuovo sistema di certificazione è considerato oggi una necessità, specialmente se legata alle innovazioni in campo documentale, come l’imminente Fatturazione Elettronica. Ma cos’è esattamente una Firma Digitale?

La Firma Digitale è il nuovo strumento di lavoro per le imprese

Per Firma Digitale si intende un file basato su una crittografia specifica atta ad individuare in maniera univoca un solo soggetto, venendo apposta ad un documento o un insieme di documenti. La Firma Digitale sostituisce, nel mondo informatico, l’apposizione di sigilli, timbri, contrassegni ed affini normalmente previsti dall’attuale normativa vigente in materia di vidimazione di documentazione cartacea.

In quest’ottica, la Firma Digitale è un’evoluzione della Firma Elettronica, che integrando delle richieste piuttosto precise garantisce, tramite il suo utilizzo autenticità, affidabilità e , soprattutto, valenza legale ai documenti, assumendo la sostanza di una firma autografa.

firma digitale 2

Per utilizzare un Firma Digitale serve affidarsi ad un soggetto istituzionalmente qualificato definito Certificatore, che può emette il certificato digitale che associa il codice all’identità del titolare. Questo identifica in modo certo il richiedente le credenziali di sottoscrizione. La chiave così creata è definita pubblica, in quanto nota a tutti gli interessati; contestualmente viene generata una seconda chiave, privata e a controllo esclusivo del titolare.

Attualmente, la Firma Digitale viene associata in particolare alla legislazione sulla Fatturazione Elettronica, ma il suo utilizzo è molto più ampio. Esistono già ambiti, come quelli amministrativi, professionali e aziendali, in cui la Firma Digitale è già ampiamente utilizzata, dagli atti giudiziari ai bilanci aziendali. Nel settore privato è utilizzata anche nei procedimenti digitalizzati, in gestione documentale dematerializzata e da un crescente numero di aziende.